Antifurti per la casa

Sensori porte finestre magnetici: vietato l’ingresso ai ladri

Vi abbiamo parlato dell’home jacking, ovvero della tecnica del furto attuato con gli inquilini in casa. Ovviamente non si tratta dell’unica tecnica, ma ce ne sono molte altre. Le più diffuse sono quelle della lastra di metallo, dei fili di colla e, soprattutto, quella del key bumping.

I fili di colla, per i ladri che amano fare le cose con calma, servono a verificare la presenza o meno di persone all’interno dell’abitazione. I malintenzionati posizionano alcuni fili di colla (difficilmente visibili) davanti alla porta chiusa. Dopo qualche tempo torneranno a controllare: se i fili sono rotti, significa che qualcuno ha aperto la porta e quindi la casa è abitata. Se i fili sono intatti, invece, la porta è rimasta chiusa, la casa è vuota e il ladro ha campo libero.

Quelle della lastra di metallo e del key bumping, invece, sono vere e proprie tecniche per l’apertura di porte e serrature in genere. La lastra, sottilissima, viene infilata tra lo stipite e la porta, per poi essere mossa con movimenti studiati fino a far scattare la serratura. Quella del key bumping, invece, è la classica tecnica da film. All’interno della serratura viene infilata una chiave speciale, o un grimaldello, capaci di raggiungere tutti i cilindri. Utilizzando poi un martello, o comunque un oggetto pesante, viene inferto un colpo secco alla chiave, in modo che i cilindri scattino, aprendo la serratura.

⚠ Anche queste tecniche, come quella dell’home jacking, possono causare guai con l’assicurazione, poiché non lasciano alcun segno di scasso. ⚠

È semplice intuire che, per non essere vittime di furti perpetrati con tecniche simili, è importante dotarsi di porte e infissi molto solidi, e di serrature ancor più solide e realizzate sulla base degli standard più attuali. Molti tecnici del settore consigliano cilindri anti-bumping o, ancor meglio, il cilindro europeo. Quest’ultimo, in caso di tentativi di manomissione, fa scattare dei sistemi di protezione che bloccano la serratura.

Purtroppo però, rinnovare porte e infissi può costituire una spesa notevole, che non tutti sono in grado di affrontare. Per non parlare poi del fatto che, nel caso di appartamenti in affitto per esempio, si potrebbe non avere l’autorizzazione ad effettuare lavori. Cosa si può fare allora?

La soluzione migliore, in questo come negli altri casi, sono i sensori specifici per i varchi come porte e finestre.

Ne esistono diverse tipologie, che potrete scegliere e acquistare nello store WallMall. I più diffusi sono i sensori magnetici. Si tratta di una coppia di elementi che, una volta accostati creano un vero e proprio campo magnetico. Le due parti vanno affisse su anta e stipite di porte e finestre che, una volta chiuse, saranno protette dal campo magnetico. Finché non sarete voi a disattivare l’impianto d’allarme, infatti, ogni apertura interromperà il campo creato dal sensore, facendo immediatamente scattare l’allarme.

WallMall offre ai propri clienti un ampio ventaglio di sensori magnetici, singoli o in kit ed in colorazioni diverse, oltre che con specifiche funzioni. Nel nostro store troverete infatti quelli più adatti alle finestre ma anche quelli specifici per portoncini o per porte blindate e basculanti ad esempio.

In questi ultimi casi molto utile può risultare un’altra tipologia di sensori che WallMall offre ai propri clienti: i sensori a incasso, disponibili anche nel modello a sigaretta. Si tratta di sensori magnetici che hanno la particolarità di risultare invisibili una volta installati.

La chicca 🔔

Non adatti alle serrature ma molto comodi per le finestre, in particolar modo d’estate, sono i sensori cosiddetti a tenda. In questo caso i due elementi comunicano tra di loro creando una vera e propria barriera, garantendo così la vostra sicurezza anche con le finestre aperte.

Torna all'elenco